Tag

"Rottama-Italia": un libro collettivo contro il decreto Sblocca-ItaliaDa qualche ora il sito internet altreconomia rende disponibile gratuitamente in pdf una raccolta di interventi di politici e studiosi contro il cosiddetto decreto “Sblocca-Italia“.

Scorrendo l’indice, per chi si occupa di beni culturali salta subito all’occhio la presenza di alcune firme autorevoli: Massimo Bray, già ministro del governo Letta, l’archeologo Salvatore Settis, ex direttore della Scuola Normale di Pisa, e lo storico dell’arte Tomaso Montanari.

Le motivazioni principali di questa operazione sono riassunte dall’articolo di Montanari apparso oggi sul “Il Fatto Quotidiano”: la preoccupazione che la semplificazione dell’iter per ottenere permessi per costruire dia di fatto il via a una nuova ondata di colate di cemento lungo tutta la penisola e la paura di assistere a fenomeni di corruzione.
Se la seconda argomentazione mi pare poco condivisibile – per scongiurare gli illeciti sarebbe meglio operare controlli severi piuttosto che evitare l’avvio di qualsiasi tipo di nuova opera – merita una attenta analisi la questione della cementificazione, che rischierebbe di vanificare il ddl sul consumo di suolo approvato dal Consiglio dei Ministri nel dicembre dello scorso anno (trovate il testo qui). Certo, a dicembre era ancora in carica Enrico Letta, ma lo “stop al cemento” è un proposito che è stato spesso ripetuto anche da Matteo Renzi.

Annunci