Tag

, ,

Ospito volentieri sul blog questa interessante segnalazione dell’amico Maichol Clemente.

«Diamo a Merengo quel che è di Merengo», mi verrebbe da esclamare dinanzi al ritrovamento nei depositi del Metropolitan Museum of Art di New York dei quattro modelli (figg. 1-4) di Enrico Merengo – la cui ubicazione era fino a questa mia segnalazione ignota agli studi – per gli Evangelisti oggi nel duomo di San Lorenzo a Mestre ma originariamente realizzati (1694) per l’altar maggiore della chiesa della Pietà di Venezia (figg. 5-8).
Le quattro terracotte, già nella collezione Adalbert von Lanna di Monaco, furono riconosciute come creazioni dello scultore tedesco da Matej Klemenćić, per poi essere associate alle relative statue in marmo da Simone Guerriero, il quale attribuì quest’ultime a Merengo all’interno del suo articolo dedicato a Paolo Callalo del 1997.
Etichettate nel museo americano come creazioni di anonimo plasticatore fiammingo, queste quattro sculture (misurano 44,5 cm di altezza), le quali ci erano note unicamente da una foto tratta dal catalogo di vendita della collezione monacense (fig. 9), vanno ad aggiungersi alla serie di modelli di Merengo conservati nel Museo del Settecento Veneziano di Ca’ Rezzonico, luogo ove si trova una delle raccolte di bozzetti d’ambito veneto del XVII e XVIII secolo tra le più importanti d’Europa.

Maichol Clemente

Enrico Merengo, "Quattro Evangelisti". Già collezione Adalbert von Lanna.

9. Enrico Merengo, “Quattro Evangelisti”. Già collezione Adalbert von Lanna.

Annunci